TEDxCoriano | Riflessioni a caldo di una curatrice

15.10.2020

Ho conosciuto TEDx facendo delle ricerche sul web su neuroscienza, arte e comunicazione. Non ricordo esattamente il giorno, e infatti posso dire di conoscerlo davvero dal 2018 quando la Presidente di Resilienza Territoriale - Paola Aronne - mi ha chiesto in un sol colpo sia di allenare gli oratori di TEDxCoriano che di salire sul palco a raccontare la mia storia semplice di Resilienza.

Da allora, oltre 28.000 persone hanno visto il mio TEDx Talk su Youtube, vuol dire che a più di 28.000 persone è arrivato il mio messaggio di resilienza. Inoltre, con tante visualizzazioni la mia carriera ha avuto un' impennata, sia in termini numerici che di qualità del cliente e questa combinazione aumenta la qualità della vita, quindi è stato naturale per me restituire a TEDxCoriano un po' di ciò che ho ricevuto.

Quest'anno era l'occasione perfetta perchè il tema dell'ambiente mi sta molto a cuore. Ho messo, quindi, a disposizione le mie competenze di creazione e gestione del team in ambito no-profit per curare la realizzazione di TEDxCoriano progetto Countdown.

Il ruolo implica il coordinamento delle operazioni tra le varie squadre (marketing, logistica, acquisti e partner) e un particolare focus alla selezione e cura dei relatori.

Un ruolo impegnativo e appagante per questo a TEDxCoriano la prassi è di "ruotarcelo" tra gli organizzatori principali. In questo modo l'impegno per gli organizzatori principali in ore/lavoro non cambia ma possiamo "variare il tipo di carico" e a turno possiamo dare forma ad una personale visione dell'evento.

Ad esempio, per me quest'anno era importante avere una squadra di persone con motivazione e competenze superiori alla norma e avere relatori che fossero focalizzati su delle azioni concrete da proporre al pubblico e che diventassero un gruppo coeso.

Noi organizzatori principali (Paola Aronne al marketing, Davide Venturi sponsor logistica e partner, Romano Ugolini ai patrocini e me) siamo riusciti a raggiungere questi obiettivi definendo da subito quali fossero i nostri principi operativi, i valori e gli obiettivi cui ogni candidato volontario dovesse essere allineato e creando un programma di speaker coaching di altissima qualità dove ogni relatore - a prescindere dal suo livello - trovasse arricchimento.

Il miei segreti per un evento no profit di successo? Ne rivelo solamente 4!

Il primo è la coerenza - per un evento dedicato alla sostenibilità e l'ambiente non potevano che selezionare partner, fornitori e volontari per cui questi nella loro vita fossero dei valori.

Il secondo è la costruzione della squadra! Con tutti i pastrocchi che da sola combinerei, una squadra fatta di persone altamente competenti nel ruolo che gli affidi e allineati ai valori è fondamentale!

Il terzo è la delega: una volta individuate persone competenti e di valore bisogna applicare i principi di una delega efficace: concordare obiettivi SMART, mettere a disposizione gli strumenti necessari, essere reperibili per supporto strategico e domande, lasciare libertà e dare fiducia, celebrare ogni piccolo risultato e fare delle riunioni periodiche di gruppo per tenere d'occhio lo Stato Avanzamento Lavori.

Il quarto è il divertimento. Se fare un determinato lavoro ci diverte siamo invogliati a studiare, a guardare come altri lo fanno, ad allenarci e questo ci porta a svolgerlo sempre meglio. E più lo svolgiamo meglio, più ci diverte farlo. Io lo chiamo il circolo virtuoso del divertimento.

Chiaramente potersi divertire passa anche da un equilibrio lavoro-vita privata, infatti per organizzare i lavori siamo partiti da una domanda molto semplice e onesta: quanto tempo hai da dedicare a questo progetto? Così noi organizzatori abbiamo distribuito le attività in maniera sostenibile. Anche chi aveva solo 5 minuti è stato accolto in un team. In 5 minuti ad esempio puoi condividere un post e commentarlo ben 10 volte. Infine 110 persone tra volontari, sponsor e organizzatori hanno dedicato il loro tempo e le loro competenze alla riuscita di questo evento; l'amore e la cura che ci abbiamo dedicato si intravedono nel risultato. Non vedo l'ora che i discorsi siano disponibili sulla piattaforma TED.

A questo punto potrai chiederti "Cosa significa vedere i discorsi di TEDxCoriano 2020 ?"

Significa conoscere modi concreti di agire contro il cambiamento climatico.

E' importante cominciare a cambiare il nostro modo di vivere su questo pianeta e i nostri relatori ci hanno dato 9 suggerimenti preziosi per cominciare. Come è importante comprendere che il pianeta sopravviverà anche senza di noi, siamo noi esseri umani che non potremmo vivere su questa terra nelle modalità in cui lo facciamo oggi.

C'è un orologio a New York che segna il tempo che ci rimane da qui al punto di non ritorno, poco più di 7 anni. Tra 7 anni, io e milioni di altri nostri figli, fratelli, nipoti, madri, padri, amici, colleghi, amanti saremo certamente vivi, ma forse dovremo uscire di casa con dei dispositivi che ci permettano di vedere e respirare dentro una tempesta di sabbia.

E' per stare dalla parte del giusto che ho deciso di fare delle scelte più consapevoli come comprare frutta e verdura sfusi e a chilometro zero, non comprare acqua in bottiglie di plastica e altre azioni che ho imparato ascoltando i nostri relatori.

Spesso dico che "C'è una differenza tra sogni ed utopie. Le Utopie, lì lontane nell' iperuranio, le guardiamo e ci piace abbandonarci ad esse. Un sogno, accompagnato da progettazione, può solo diventare realtà" e noi per bloccare il cambiamento climatico e poter continuare a vivere su questa terra ammirando un cielo azzurro abbiamo bisogno di progettare futuri migliori. Oggi!

Affinché, come ha detto la relatrice Giulia Comba, "nel 2030 il mondo possa essere un luogo degno di essere chiamato casa".